Per garantire navigabilita ed
un'esperienza visiva ottimale:
la visualizzazione in modalita orizzontale
è stata disattivata .
Ruota il tuo dispositivo in verticale.

Consenso Cookies
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Cookies Policy - Chiudi

Dealer 2.0, il web: un’opportunità da non sottovalutare

E’ stato da poco premiato come il Best digital Dealer d’Italia ovvero il concessionario che meglio ha saputo cogliere e sviluppare gli infiniti impieghi offerti dall’on-line, da Lucca Marco Guidi ci parla della sue esperienza e sprona i colleghi a ‘cadere’ nella Rete

• La rivoluzione parte da Oltreoceano e arriva in Toscana. Un percorso inverso a quello della Storia, ma comunque importante. Perché è dal confronto con i colleghi statunitensi che Marco Guidi, titolare del Gruppo Guidi, ha preso spunto per digitalizzare il proprio business. Un’azienda, quella nata a Lucca oltre cinquant’anni fa dalla volontà del padre Guido, che oggi rappresenta una delle realtà imprenditoriali più grandi della Toscana, con oltre 57 milioni di euro di fatturato nel 2012. “In America internet è un asset importante, le vendite non avvengono in rete, ma si sviluppa il contatto. Abbiamo così deciso di studiarne il modello e abbiamo sviluppato il nostro sito www.guidicar.it e messo a punto un programma di valutazione Che metteremo sul Mercato nel 2013 per il confronto e l’analisi delle auto che risponde alle esigenze dei clienti. E’ quindi possibile per chi vi accede confrontare il prezzo di una nostra auto e metterla a confronto con i concorrenti del territorio per considerare la migliore offerta. decidete quale usato stoccare: non si può avere tutto, dalla city car alla nave. Utilizzate un metodo di scelta, magari basato su fasce di prezzo in base al tipo di vettura,potenziale,calcolate quante auto stoccare, in modo da non superare una giacenza massima in giorni. In questo calcolo, occorre tener presente anche il periodo dell'anno. Per esempio, aumentate la quantità di Suv e il loro tempo di stoccaggio in inverno. Ci sono software che consigliano cosa mettere in stock basandosi su quali automobili vengono maggiormente ricercate su Internet calcolate attentamente quanto pagare un veicolo usato e in quanto tempo lo voglio rivendere . Il sistema migliore è basarsi sul prezzo di rivendita del veicolo, da cui detrarrete il costo del ricondizionamento, le spese generiche della concessionaria e il margine di guadagno. Da qui si stabilisce la cifra di ritiro; dove trovare l'auto? Ci si può servire delle aste, tipo quelle organizzate periodicamente dagli specialisti di Aste , che ti comunicano in anticipo cosa andranno a battere. Oggi il cliente sa tutto, apre il pc e si rivolge a forum o spazi specializzati per conoscere le caratteristiche di una vettura, non entra certo in concessionaria. E’ un utente proattivo e molto attento quello con cui dobbiamo confrontarci e quindi abbiamo lavorato perché online potesse trovare dei servizi che rispondessero a queste caratteristiche”. Questo l’aspetto valutativo, ma ogni accesso al sito è un potenziale acquirente o un contatto da coltivare e il responso in questi termini è confortante: “Consideriamo che oggi in salone di persona a chiedere una preventivazione entrano dieci, massimo 20 persone. Ma nel mio sito accedono più di 2mila persone al giorno provenienti da ogni regione d’Italia. Internet de-territorializza il business. Sarà poi l’utente a decidere se la proposta commerciale vale lo spostamento. Per una Panda forse spostarsi non vale il risparmio, altrettanto non si può dire per altri modelli. Noi mettiamo sul piatto la libertà in fase decisionale”. In un momento di stagnazione del mercato internet viene percepita come una piccola ancora di salvataggio, Guidi, che per l’automotive in questo senso è un pioniere, ha idee molto chiare. “La Rete porterà a vendere il ferro a poco margine. Quello che le aziende poi devono fare è vendere i servizi. Le cose, come una lavastoviglie, non hanno grossa marginalità. Quello su cui si crea il margine è l’accessorio. Per quanto riguarda questo aspetto sul nostro sito noi online vendiamo l’accessoristica, ma soprattutto tutto quello che gira intorno alla parte assicurativa e finanziaria, gli allungamenti di garanzia. Questi sono i pacchetti che danno marginalità ai nostri affari”. Gestire un sito richiede tempo, denaro, energie e studio. Bisogna sapere cosa si vuole, come si vuole comunicarlo, fare un taglio tematico alle pagine, conoscere il cliente e toccare i tasti razionali ed emotivi per poterlo intercettare. Tutti argomenti che in passato hanno tenuto lontani numerosi concessionari dal mare magnum di internet. I consigli del Best Digital dealer sono molto chiare: “Consiglio di lavorarci, visto che in salone c’è decisamente poca affluenza. Anche se lei dealer, facciamo un’ipotesi, volesse regalare una macchina è difficile riuscire a comunicare e far passare il messaggio presso la clientela. Internet è il mezzo più veloce per riuscire a far filtrare quello che un imprenditore come noi vuole fare. Non abbiamo alternative. A differenza di prima, però, ci si mette in concorrenza con gli altri e quindi questo richiede tempo, denaro e persone. Se in concessionaria nessuno entra e nel sito invece sì, allora la strada è quella giusta. Per quanto riguarda lo sviluppo, ci siamo rivolti ad un’azienda specializzata in comunicazione digitale che ha creato la pagina web e sta curando il programma di valutazione delle offerte”.

Guidicar, una storia lunga più di 50 anni
Tutto è iniziato a Lucca oltre 50 anni fa, quando Guido Guidi ha aperto la sua prima concessionaria, partendo da Mercedes per poi passare al Aggiungere altri Marchi Ufficiali Un’intuizione, in un Paese ancora lacerato dalla guerra da poco finita, che si rivela vincente. Il business si amplia con nuovi punti vendita in tutta la Toscana del Nord, dalla Garfagnana fino allo sconfinamento nello Spezzino. Negli anni ’80 sono i figli di Guido Marco e Fabrizio a prendere in mano le redini dell’azienda ed a percorrere ancora strada
Ad oggi il gruppo
Copre Gran parte della Toscana
Con i Marchi:
Mercedes-Benz – Smart – Volkswagen – Audi – Kia - Mitsubishi

, Per ogni ulteriore informazione non resta che cliccare su www.guidicar.it
Virgolettati
“oggi in salone di persona a chiedere una preventivazione entrano dieci, massimo 20 persone. Ma nel mio sito accedono più di 2mila persone al giorno”

“Internet è il modo più veloce per comunicare un’iniziativa. Non vedo alternative al suo utilizzo”

Richiedi informazioni per questa News compilando il form qua sotto. Ti risponderemo in tempi brevissimi



Voglio restare aggiornato sul sito Guidicar
Accetto le condizioni della Privacy



Lascia un Commento

Altre News

Consulta le altre news riguardanti il Gruppo Guidicar e il mondo Automotive.