Chiama ora: 0583 40541







Verniciare cerchi in lega: come fare e quanto costa
La verniciatura dei cerchi in lega può essere realizzata in maniera professionale o fai da te utilizzando diverse tecniche. I cerchi ruota sono un elemento funzionale dell’auto che spesso – soprattutto nei modelli alto di gamma – assolvono anche una funzione di carattere estetico, per via del particolare design delle razze o per la qualità delle rifiniture. Come i pneumatici, anche i cerchi sono esposti all’usura, seppur in maniera diversa rispetto alle coperture. Gli agenti atmosferici e urti di vario genere (contro marciapiedi, battistrada e arredi stradali) possono rovinare la superficie e l’aspetto dei cerchi, lasciando graffi e abrasioni. Lo stesso vale per i detriti delle strade non asfaltate: sassi e brecciolino possono scalfire la superficie dei cerchi lasciando segni antiestetici che pregiudicano la qualità della rifinitura. Questo discorso è valido anche per i cerchi in lega, ormai sempre più diffusi grazie ai diversi vantaggi offerti rispetto a quelli in acciaio o in alluminio (dissipazione del calore, miglioramento delle prestazioni e della qualità di frenata). Nel caso siano particolarmente deteriorati, è possibile verniciare cerchi in lega: vediamo di seguito come fare.

Come verniciare cerchi in lega fai da te Il primo passo per effettuare una verniciatura fai da te è quello di pulire il cerchione in maniera accurata. A questo scopo è necessario procurarsi uno sgrassatore per cerchi, facilmente reperibile in commercio. La procedura da seguire è molto semplice: cospargere il cerchio con il prodotto detergente per mezzo di uno spruzzatore; strofinare il cerchio con una spugna morbida pulita, in modo tale da rimuovere i residui di polvere e sporco; asciugare il cerchio con una pistola ad aria, così da rimuovere i residui di acqua e umidità anche nei punti più difficili da raggiungere. Una volta completata la fase di pulitura e asciugatura ci si può dedicare al trattamento vero e proprio propedeutico alla verniciatura. La prima operazione da compiere è la levigatura: con un pezzo di carta vetrata a grana grossa (P 360) bisogna strofinare la pasta abrasiva su tutta la superficie del cerchio. Se la levigatura fa emergere graffi o imperfezioni di altro genere, prima di proseguire bisogna applicare uno strato di stucco metallico (misto a indurente) dove necessario, così da rendere la superficie del cerchio omogenea. Quando la mistura di stucco e indurente si asciuga, la superficie va carteggiata per eliminare i residui di stucco in eccesso e per opacizzare l’intera superficie. Sul cerchione scartavetrato è consigliabile applicare uno strato di primer antiruggine Prima della verniciatura vera e propria, il cerchio va cosparso di antisilicone: basta applicarne una leggera quantità e cospargere l’intera superficie con un panno asciutto e pulito. L’ultimo passaggio da eseguire prima della verniciatura è la protezione delle parti del cerchio da non verniciare, che vanno protette con uno strato di carta adesiva, ovvero la valvola e la gomma. A questo punto si può procedere con l’applicazione del colore con un nebulizzatore. In alternativa, seguendo il medesimo procedimento, è anche possibile verniciare cerchi in lega con bomboletta spray (come ad esempio il Plasti Dip). Il consiglio è quello di realizzare un primo strato molto leggero (ovvero una “sfumatura”) per poi procedere con due o tre mani di colore omogeneo. Basterà poi lasciare asciugare la vernice per poter rimontare il pneumatico sul cerchio dopo aver applicato una strato di fissante trasparente (lucido o opaco a seconda delle preferenze personali) spesso indicato anche come spray per wrapping.

Verniciare i cerchi in lega senza smontarli Per riverniciare un cerchio in lega si può evitare di smontarlo. A tal proposito bisogna però fare un distinguo: il gruppo cerchio ruota va sempre smontato dal mozzo; in altre parole, va tolto dall’auto prima di essere sottoposto a qualsiasi tipo di trattamento. Quando si parla di verniciatura “senza smontare” ci riferisce alla possibilità di non separare il cerchio dal pneumatico. In tal caso è necessario proteggere la gomma per mezzo di una mascheratura che può essere fatta con pezzi di carta spessa o con un telo di plastica sagomato. In entrambi i casi la protezione va inserita nello spazio ricavato tra il cerchio e lo pneumatico. L’operazione va effettuata da entrambi i lati del cerchione, avendo cura di proteggere anche le altre parti che non devono essere coperte dal colore. In realtà, è possibile riverniciare i cerchi in lega rovinati senza smontarli completamente, ossia lasciandoli montati al mozzo. Il principale svantaggio di questa tecnica riguarda la qualità del lavoro: senza togliere il cerchio dal mozzo sarà possibile verniciare solo la faccia esterna, trascurando la spalla e il retro. Inoltre la posizione di lavoro risulterà particolarmente scomoda, soprattutto se non si ha la possibilità di sollevare l’auto. Di contro, vi è un significativo risparmio in termini di tempo che rende l’intera lavorazione molto più rapida.

Quanto costa riverniciare i cerchi in lega La riverniciatura dei cerchi in lega può essere anche affidata ad un’officina oppure ad un centro specializzato. Il costo verniciatura cerchi in lega varia a seconda del professionista al quale ci si rivolge. Un lavoro di buona qualità effettuato presso l’officina di un carrozziere può arrivare a costare tra i 120 ed i 150 euro. Se, invece, si predilige un lavoro più accurato e ‘specializzato’ e si vuole far verniciare cerchi in lega a polvere (una tecnica professionale utilizzata dalle Case automobilistiche e non solo) è necessario rivolgersi ad operatori specializzati. Il motivo è semplice: la verniciatura a polvere prevede che il cerchio venga caricato elettricamente, così da trattenere le particelle polverizzate di pigmento; successivamente viene ‘cotto’ in una fornace che fa sciogliere le particelle di polvere di colore realizzando la verniciatura vera e propria. Questo tipo di lavorazione può costare fino a 300 euro. Per quanto riguarda il fai da te, i costi sono molto più contenuti. I prodotti da utilizzare in tal caso – primer, vernice spray, stucco, indurente e fissante – costano in tutto poche decine di euro e possono essere impiegati per eseguire più lavorazioni. Di solito, le bombolette di vernice costano circa 10 euro, così come i prodotti per i ritocchi e la preparazione del fondo mentre gli smalti lucidi hanno prezzi compresi tra i 15 ed i 20 euro.